cucina tipica piacentina

Vini e cucina tipica piacentina: i 5 consigli per non sbagliare

 La cucina tipica piacentina fonda le sue radici nella tradizione e le ricette che compongono questa arte culinaria regionale possono essere tramandate di generazione in generazione. Quello che i vostri nonni forse non vi hanno detto, è proprio come scegliere i vini da abbinare a queste pietanze. Il buon senso comune ci dice che i piatti di carne si sposano bene con i vini rossi mentre quelli di pesce sono esaltati dai vini bianchi: niente di più scontato! E purtroppo, niente di più fuorviante. Qualunque ristorante di pesce dove è possibile mangiare cucina tipica a Piacenza confermerà il contrario. Ecco i nostri consigli per degli abbinamenti eno-gastronomici a prova di critico culinario:

  1. Cibi speziati? Lo zucchero è vostro alleato. Come ci insegnano i migliori ristoranti di cucina tipica a Piacenza, che il piatto sia condito con spezie molto coprenti o che vogliate servire cibo piccante ai vostri ospiti, i vini con un residuo zuccherino sono la scelta migliore.
  2. Evitate i contrasti troppo accentuati. Molte volte sentiamo usare il termine “sgrassare” in cucina. Evitate di accostare i dessert a dei vini meno dolci, poiché rischierete di coprire troppo il vino e di rendere il dessert troppo stucchevole.
  3. Durante i pasti composti da più portate consumati a Piacenza, avrete sicuramente notato il personale della location per matrimoni servirvi dei vini con un retrogusto acido. Questi accostamenti sono l’ideale per i piatti della cucina tipica piacentina, spesso molto ricca e composta anche da piatti grassi. Per rinfrescare la bocca potete anche optare per un vino frizzante.
  4. Pesce e vini rossi? Si, ma attenzione. Per chi ha poca dimestichezza con l’argomento, sbagliare il vino rosso da accostare al pesce è una trappola molto insidiosa. Nel dubbio, optate per uno Chardonnay o un rosso delicato.
  5. Se il dolce chiama un vino dolce, la stessa cosa vale per i piatti acidi. Questa nota presente nel piatto non va addolcita, bensì esaltata.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *